PressInterview with ClassicPoint (Switzerland)

7 August 2022by Tim
https://www.irinalungu.com/wp-content/uploads/2022/08/289913860_571129527918778_8043563213399570054_n-e1659882474579-1280x854.jpg

On the occasion of her two role debuts at the Opernhaus Zürich in June and July, Irina Lungu spoke with the Swiss ClassicPoint. On the following link you can read the interview in German, while we have uploaded the English and Italian version here below on this page. Link to the interview:

https://www.classicpoint.net/de/irina-lungu

ENGLISH VERSION:

When and why did you decide to make singing your profession?
I didn’t look for singing as a profession, it was singing that looked for me. I’ve always studied music. When I was six I started studying piano and then choral conducting, and after that I met a voice teacher who introduced me to opera and singing. It wasn’t a sudden decision: things happened in my life that allowed me to pursue this profession. It was a mix of destiny and commitment.

You made your as a student Scala your debut as Anaï in Moise et Pharaon under Riccardo Muti. How did that come about?

In 2003 I won a scholarship to study at the Academy of the Teatro alla Scala, and I started my class in September of that year. They were looking for a soprano for the second cast, after Barbara Frittoli, of Moïse et Pharaon inaugurating the season of La Scala. I was sent the music, Maestro Muti auditioned me and chose me. It was in part a stroke of luck, but it was also due to my ability to learn quickly and to give it a try and take a chance. I must admit that when you are young these things are easier to do than when you’ve been having a career for a long time. It was a fantastic experience, which introduced me to this world and made me raise my bar high from the very beginning. It was very challenging, with a dash of good luck.

How do you look after your voice?

There are a few extremely important things to follow in order to preserve one’s voice; the most fundamental is a correct vocal placement, the voice must always be forward “in the mask” and on the breath”, as well as the exercises to constantly maintain this placement, without which there is no vocal health for anybody. The second thing is the right repertoire. I’ve always been very cautious, always one step behind my voice development so as to preserve it and not to take reckless decisions. Other things include the work rhythm: sometimes one has a very intense schedule, but the ideal thing would be to give yourself time to rest and to study, because preparation is fundamental. Then being in a good physical shape is important, and I like doing sports and running. It’s a complex thing; it’s not possible to be vocally healthy if you are not mentally and psychologically healthy. One has to find a psychological and physical balance. It’s just like for athletes. Vocal rest is fundamental, especially for those who travel a lot like us. It’s not an easy profession, and it requires a lot of health and psychological balance.

Do you sing exclusively in opera or do you also perform recitals?

At the beginning of my career I used to do a lot of recitals, now much less often. I devote most of my time to staged productions, where I have the possibility not only to sing but also to be an actress; it’s something very inspiring to me. I love to test my acting skills. However, I think I also have a talent as a recitalist; I like to listen to recitals of my colleagues, and in the future I would definitely love to find the time for this art form, too.

What is the importance of opera for you and what were your first opera experiences as a child?

I didn’t have any operatic experience as a child, because I was 18 when I attended my first opera, and it was Traviata in a provincial opera house. It was far from a beautiful experience and that’s why at the beginning of my career I wanted to sing all but Traviata, as that experience had traumatized me. But then destiny decided that I should sing over 250 performances of Traviata. Perhaps that performance was truly a sign of destiny, telling me that I had to overcome something I had in me. 5b) Regarding children’s operatic experiences, I’d like to say that I often meet after a performance very young people who tell me they fell in love with opera after attending one with their class. So I believe that education in this sense is very important because it allows children and very young people to have access to this very exclusive and sublime art, and widen their horizon.

Which opera roles do you like the most?

I love all the operas I perform. I think that if a singer goes through the whole process to debut an opera on stage it is certainly an act of love towards this character, this music, this composer. I love everything I do, every woman I interpret. Obviously there are some I prefer above others, such as Traviata because I couldn’t have sung her so many times and in such diverse circumstances without loving her. And then there is a role I have done only once but that I love and find very suitable to me, Manon by Massenet. Then there are those I haven’t done yet, but would like to interpret, such as Norma and Adriana Lecouvreur.

Have you ever had requests from directors that you did not want to do?

Regarding requests from stage directors I didn’t want to do, certainly it has happened, but nothing scandalous. It mostly concerned stage movements that were too uncomfortable, especially on difficult phrases, but it’s always possible to discuss about it and find a solution. I’ve never had a director dig his or her heels and say “either this or nothing”. I am very open-minded; I consider myself a very versatile singer and I like to test myself as an actress. Most of the times I welcome these requests if there is a convincing idea behind them. After all a stage director’s job is also to convince the artists of the validity of his or her ideas. I have never had a negative experience.

Would you like to direct an opera yourself?

Yes, I would certainly like to stage an opera; it’s my ambition because I always have so many ideas. I often happen to see a show and think I would have done it in a different way. So yes, in all honesty it’s something I would love.

How has your voice changed during your career?

Regarding my voice changing during the course of my career, it seems it is always the same to me, but on the other hand, listening to my recording I do realize it has changed a bit, and that’s what other people tell me, too. It’s like when we see a person every day; for example, it seems that children are not growing, but they do grow, and the same thing happens to the voice. Since I study every day, it seems it’s always the same to me, but I also realize that with the years it has become sturdier, richer with overtones and nuances. Now I feel read to take on different repertoires.

You regularly post cooking and baking videos on your Instagram profile. What are your favourite recipes?

Yes, I am very fond of cuisine and especially fond of eating well! Cooking relaxes me. I try to eat well wherever I am to maintain my eating habits and to experiment. Cooking relaxes me and inspires me. I think it’s an art requiring a lot of precision, just like singing. I especially love Italian food, which I consider the most perfect in the world. I love preparing risotto, particularly the Milanese-style risotto.

You are also a passionate skier. Are you more of an enjoyable skier or more of a daredevil?

I love skiing, though I didn’t learn as a child. I learnt very late, when my son was very young, to spend time together and also because living in Italy it’s a pity not to ski, since we have the most beautiful mountains in the world. I became very fond of it and now I cannot even imagine a winter without skiing. Personally I am a very careful skier, but I always have at my side a little devil who tries to push me to test my limits, and I need to manage this situation, too. This is positive, though, because otherwise I would relax too much and on the contrary I always do some skiing contests with him. Skiing is just wonderful.

ITALIAN VERSION:

Quando e perché ha deciso che il canto sarebbe stato la sua professione?

Non l’ho cercato io il canto, ma è il canto che ha cercato me. Ho sempre studiato musica; quando avevo sei anni ho iniziato lo studio del pianoforte e poi direzione del coro, e dopo ho incontrato un maestro di canto che mi ha fatto conoscere l’opera e il canto lirico. Quindi non è stata una decisione netta, ma nella vita sono successe delle cose che alla fine mi hanno permesso di fare questo mestiere, È stato un po’ l’impegno e un po’ il destino.

Ha debuttato quando era ancora allieva della Scala, nel ruolo di Anaï in Moïse et Pharaon con Riccardo Muti sul podio. Come è avvenuto?

Nel 2003 ho vinto una borsa di studio all’Accademia della Scala; ho iniziato il mio corso a settembre 2003. Per l’inaugurazione della stagione della Scala era in programma Moïse et Pharaon, e cercavano ancora un soprano per il secondo cast dopo Barbara Frittoli. Mi hanno mandato la musica, ho fatto un’audizione con il Maestro Muti che mi ha scelta. È stato in parte un colpo di fortuna ma anche la mia prontezza a imparare subito, a buttarmi. Devo dire che da giovani queste cose sono più facili a farsi che non quando si è già cantanti in carriera. È stata un’esperienza fantastica che mi ha introdotto in questo mondo e che ha alzato sin da subito la mia asticella. È stata una grande sfida, ma anche un colpo di fortuna.

Come si prende cura della sua voce?

Per salvaguardare la voce ci sono alcune cose importantissime; quella più fondamentale è l’impostazione corretta della voce, la voce avanti nella maschera e sul fiato, e l’esercizio per mantenere sempre questa impostazione, senza i quali non esiste salute vocale per nessuno; la seconda cosa è il repertorio giusto. Io sono sempre stata molto cauta, sempre un passo indietro rispetto allo sviluppo della mia voce proprio per salvaguardarla e non fare passi troppo avventati. Altre cose sono il ritmo lavorativo: a volte capitano dei ritmi troppo intensi, ma l’ideale sarebbe concedersi periodi di pausa e periodi per lo studio, perché la preparazione è fondamentale. Poi è importante anche la salute fisica, e quindi io faccio sport, corro. È una cosa complessa, non è possibile stare bene solo con la voce se non si sta bene anche psicologicamente, mentalmente; bisogna trovare l’equilibrio mentale e fisico. È un po’ come per gli atleti. È poi fondamentale il riposo vocale soprattutto per noi che viaggiamo tanto. Non è un mestiere facile, ma un mestiere in cui ci vuole molta salute e equilibrio mentale

Canta esclusivamente opera o si esibisce anche in recital?

All’inizio della mia carriera facevo molti recital, ma adesso mi capitano di rado; mi dedico di più alle produzione in scena dove ho la possibilità non solo di cantare ma anche di recitare come attrice; è una cosa che mi ispira tantissimo. Amo mettere alla prova le mie doti di attrice. Penso però di avere anche talento come cantante da recital; mi piace molto ascoltare i recital di altri cantanti, quindi mi piacerebbe nel futuro trovare il tempo per dedicarmi anche a questa forma artistica.

Che importanza ha l’opera per lei e qual è stata la sua prima esperienza d’opera quando era bambina?

Da bambina non ho avuto nessuna esperienza d’opera perché la prima che ho visto è stata quando avevo 18 anni, ed era proprio Traviata in un teatro provinciale. Non è stata proprio una bellissima esperienza e anche per questo all’inizio della mia carriera volevo cantare di tutto tranne Traviata, dato che quell’esperienza mi aveva traumatizzata. Però poi il destino ha voluto che facessi più di 250 recite di Traviata. Forse quella recita è stata proprio un segno del destino, che mi diceva che dovevo superare qualcosa che avevo dentro di me. 5B) Per quanto riguarda l’esperienza dei bambini, volevo dire che a me capita spessissimo dopo le recite di incontrare persone anche giovanissime che mi dicono di essersi appassionate all’opera dopo averla vista con la classe. Quindi penso che l’educazione in questo senso sia molto importante anche perché permette ai giovani di accedere a quest’arte molto esclusiva e sublime e ampliare un po’ gli orizzonti.

Quali sono i suoi ruoli preferiti?

Amo tutte le opere che faccio; penso che se un cantante arriva a debuttare in un’opera in palcoscenico si tratta sicuramente di un atto di amore verso questo personaggio, questa musica, questo compositore. Amo tutte le cose che faccio, amo ogni donna che interpreto. Ovviamente fra questi ci sono quelli che preferisco, possiamo sicuramente dire Traviata perché senza amarla non avrei potuto interpretarla così tante volte in circostanze tanto diverse. E poi un ruolo che ho fatto solo una volta, ma che sicuramente è uno dei più adatti a me, Manon di Massenet. Poi ci sono quelli che non ho ancora fatto ma che mi piacerebbe interpretare come Norma, Adriana Lecouvreur.

Ha mai ricevuto richieste da parte di registi che non voleva eseguire?

Riguardo alle richieste di registi che non volevo fare, sicuramente mi è capitato ma non ha riguardato nulla di così scandaloso; ha riguardato soprattutto movimenti scenici troppo scomodi per i cantanti, frasi difficili, ma questo si può sempre discutere, si può sempre trovare una soluzione; non mi è mai capitato che un regista sia impuntato fino al punto di dire “o così o niente”. Sono molto aperta, mi considero una cantante molto versatile, mi piace mettermi alla prova come attrice; la maggior parte delle volte accolgo queste richieste molto volentieri se c’è un’idea che mi convince. D’altronde il lavoro di un regista è anche convincere gli artisti delle sue idee. Non ho mai avuto un’esperienza infelice.

Le piacerebbe mettere in scena un’opera?

Sì, vorrei sicuramente essere la regista di un’opera, è la mia ambizione perché ho sempre tante idee; mi capita spesso di vedere uno spettacolo e pensare che io avrei fatto in maniera diversa. Quindi sinceramente è una cosa alla quale ambirei.

Com’è cambiata la sua voce nel corso degli anni?

Per quanto riguarda il cambio della voce durante la mia carriera a me sembra sempre la stessa, ma ascoltando le mie registrazioni mi rendo conto che un po’ è cambiata, e poi me lo dicono anche gli altri. È come quando abbiamo a che fare con una persona tutti i giorni; sembra che un bambino non cresca e invece cresce, e così succede per la voce. Siccome io studio tutti i giorni, a me pare sempre la stessa, però mi rendo anche conto che con gli anni della carriera è diventata più solida, più ricca di armonici e sfumature; adesso mi sento pronta a affrontare repertori diversi

Lei “posta” regolarmente sul suo profilo Instagram video di cucina. Quali sono le sue ricette preferite?

Sì sono molto appassionata di cucina ma soprattutto appassionata al mangiare bene! Cucinare mi rilassa, cerco di mangiare bene sempre ovunque mi trovi, di mantenere le mie abitudini alimentari, di sperimentare. Cucinare mi rilassa e mi ispira. Trovo che sia anche questa un’arte che richiede molta precisione, proprio come nel canto. Mi piace soprattutto la cucina italiana, che considero la più perfetta del mondo. Amo cucinare risotti, soprattutto quello alla milanese.

È anche un’appassionata sciatrice. È una sciatrice prudente o spericolata?

Amo sciare, però non ho imparato da bambina. Ho imparato molto tardi, quando mio figlio era piccolo, un po’ per passare del tempo insieme, e poi perché vivendo in Italia è un peccato non sciare avendo le montagne più belle del mondo. Mi sono appassionata tantissimo e adesso non riesco a immaginare una stagione invernale senza sciare. Io personalmente sono una sciatrice molto cauta, però mi trovo sempre accanto un piccolo diavoletto che mi vuol spingere sempre di più e quindi devo gestire anche questa situazione; questo però è molto bello altrimenti mi rilasserei troppo e invece con lui faccio sempre piccole sfide anche come sciatrice. Sciare è meraviglioso!

© 2020 Copyright Irina Lungu